Le lezioni dei maestri in azienda

Le lezioni dei maestri in azienda

17 January 2021 Human resources

L’importanza di ispirarsi nei momenti di difficoltà

Ormai sappiamo che le aziende e l’intero mondo del lavoro sono in enorme difficoltà a causa del Covid. Non è una novità e continuare a ripeterselo non migliorerà certo la situazione. La formula magica per uscirne limitando i danni non la conosce nessuno, ma sicuramente lavorare sull’ambiente di lavoro e sulle relazioni interne può essere una buona soluzione. Un mood sereno migliora le performance lavorative, lo spirito di gruppo che coinvolge i vertici anche.
Già anni fa un’azienda leader in Italia aveva capito tutto. Ferrero aveva cercato di lavorare su questo in tempi non sospetti con le sue famose “regole”.

Ascoltare tutti e fare sentire tutti importanti per il raggiungimento dei traguardi, ad esempio.

Può sembrare scontato, ma in quanti si sentono sminuiti da atteggiamenti supponenti e presuntuosi? Probabilmente tanti…

L’imprenditore deve prendere decisioni chiare e deve comunicarle con trasparenza a tutti i collaboratori.

La consapevolezza che i propri superiori assumano questo atteggiamento permette ai collaboratori di potersi immaginare a medio-lungo termine in azienda e di prefissarsi degli obiettivi propri. Soprattutto in un momento come quello attuale, in tanti lavorano con la paura di poter essere messi da parte dall’oggi al domani o di trovare i cancelli chiusi la mattina. Bene, un modo per evitare questa chiusura è proprio quello di comunicare con onestà anche le difficoltà e tutte le possibili intenzioni. La fedeltà è figlia della fiducia e una squadra fedele è una squadra vincente.

“Non pretendere di essere tutto per i vostri collaboratori o finirete per essere niente”

diceva Ferrero.

Ebbene, soprattutto nelle piccole e medie imprese si pretende che l’azienda sia tutto, che sia la priorità. Un atteggiamento che, come per ogni relazione, finisce per fare sentire oppressi e soffocati e per fare odiare il luogo di lavoro. Attenzione, il dipendente più produttivo e felice di recarsi a lavoro la mattina è quello che ha una vita piena che non è ostacolata dal lavoro e che “lavora per vivere”.
Sembra un paradosso, ma è proprio così.

Diffidare di quelli che adulano e apprezzare chi contraddice

è un’altra perla, soprattutto quando ci sono decisioni collettive complicate da prendere. L’umana vanità, in particolare in momenti stressanti, tende a fare prediligere chi ci fa sentire più in gamba, ma chi contraddice probabilmente è più onesto e con il suo atteggiamento, se costruttivo, può aprire nuovi punti di vista e contribuire a un miglioramento costante e reale.
Va ricordato che ancora oggi Ferrero è una delle aziende riconosciute per la qualità della vita lavorativa e per la soddisfazione dei suoi collaboratori. Un’azienda che continua a innovare, a fatturare e che riesce a farlo investendo anche nel capitale umano e nella felicità di ogni singolo dipendente.
Un bell’esempio da seguire in ogni settore e in ogni tipologia di realtà.
Anche noi di Business Management abbiamo accolto da diversi anni questo modello di business e cerchiamo di “importarlo” in tutte le aziende che seguiamo. Noi che ci occupiamo di Risorse Umane siamo i primi a credere nell’imporanza delle relazioni interne. Ne abbiamo fatto il centro della nostra mission e il nostro obiettivo quotidiano!

bmanagement:

en_GB

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Continuando a utilizzare questo sito senza accettare l'utilizzo dei cookie, saranno utilizzati solo quelli fondamentali, pertanto alcune parti potrebbero non essere visualizzate correttamente. more information

This site uses cookies to provide the best browsing experience possible. By continuing to use this site without changing your cookie settings or by clicking on "Accept" you allow their use.

Close