Head Hunter e Sustainability Manager: un binomio vincente per il futuro della moda

Sustainability Manager

Sustainability Manager e la Moda.

La moda è un settore in continua evoluzione, che richiede professionisti in grado di adattarsi rapidamente ai cambiamenti e alle nuove tecnologie. In questo contesto, la figura del Sustainability Manager sta diventando sempre più importante.

La sostenibilità è la parola chiave del futuro, insieme all’economia circolare e all’innovazione, in qualsiasi settore, compreso quello della moda e del lusso. Il Sustainability Manager è una figura professionale trasversale e con molte competenze specifiche, chiamata a interagire con processi complessi, in modo particolare nel mondo della moda.

L’head hunter può cercare candidati con esperienze lavorative in settori diversi da quello della moda, ma che abbiano comunque sviluppato competenze trasferibili.

Head Hunter e Sustainability Manager: un binomio vincente per il futuro della moda

Ma come si diventa un Sustainability Manager?

Il manager della sostenibilità è responsabile della supervisione, creazione e attuazione della strategia di sostenibilità di un’azienda. Lavora quindi con tutte le sezioni dell’impresa per garantire che il personale operi in modo ecologicamente, socialmente ed economicamente responsabile.

Nello specifico il Sustainability Manager può specializzarsi su:

Questioni ambientali: come la riduzione delle emissioni di gas serra, l’uso di fonti energetiche rinnovabili, la riduzione dei rifiuti e la gestione delle risorse idriche.


Problemi di giustizia sociale: come la tutela dei diritti dei lavoratori, la promozione della diversità e dell’inclusione e la lotta alla discriminazione.


Fattori economici: come l’ottimizzazione dei costi, l’aumento dell’efficienza produttiva e la creazione di valore a lungo termine.

Sustainability Manager

Sustainability Manager: le competenze

Per diventare un Sustainability Manager, è necessario possedere competenze specifiche:

– Capacità analitiche: per interpretare grandi quantità di dati e informazioni.

– Attenzione ai dettagli: per garantire l’affidabilità delle informazioni.

– Conoscenza delle norme ISO: relative alla gestione ambientale, alla salute e alla sicurezza, alla gestione della qualità, alla gestione dei temi sociali e alla gestione del rischio. (La norma ISO è una serie di standard internazionali che definiscono i requisiti per i sistemi di gestione in diversi settori, tra cui la gestione ambientale, la salute e la sicurezza, la gestione della qualità, la gestione dei temi sociali e la gestione del rischio 1. Questi standard sono stati sviluppati per aiutare le organizzazioni a migliorare le loro prestazioni in questi settori e a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità.

Ad esempio, la norma ISO 14001 definisce i requisiti per un sistema di gestione ambientale (SGA) 1. Questo standard aiuta le organizzazioni a identificare e gestire gli impatti ambientali delle loro attività, ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza energetica. La norma ISO 45001 definisce invece i requisiti per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SSL) 2. Questo standard aiuta le organizzazioni a identificare e gestire i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, migliorando la sicurezza sul posto di lavoro e riducendo gli infortuni.)

– Conoscenza delle leggi: in materia di sostenibilità.

– Capacità di comunicazione efficace: per comunicare le idee a tutti i livelli dell’organizzazione.

– Capacità di lavorare in team: per collaborare con le diverse parti interessate, dall’alta dirigenza ai membri del suo team.

Sustainability Manager

Un articolo su Milano Finanza Fashion definisce i Sustainability Manager come nuove prede degli head hunter nel mondo della moda post pandemia. L’articolo spiega come il mondo della moda richieda professionisti che sappiano adattarsi velocemente ai cambiamenti, alle nuove tecnologie e alla salvaguardia dell’ambiente, alla diversità e alla responsabilità sociale.

In sintesi, il binomio tra Head Hunter e Sustainability Manager rappresenta una soluzione vincente per il futuro della moda. Grazie alla loro esperienza e competenze specifiche, queste figure professionali possono contribuire a creare un mondo della moda più sostenibile ed equo.

Business Management, da oltre 20 anni, è al fianco degli imprenditori italiani per sostenerli nella ricerca dei migliori manager da inserire nelle loro aziende. Se sei un imprenditore del mondo della Moda contattaci per una consulenza.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato su temi legati alla crescita aziendale ed al business segui il nostro profilo linkedin ed il nostro blog

Condividi il post: